Concorso A.N.E.D. 2017/2018 

Primo premio concorso Aned  a Camilla Lenzi, classe III A, per la sezione "Prosa". 
A  Edoardo Dani, classe III E, per la sezione "Poesia".



Camilla Lenzi classe IIIA , professoressa Mariarosaria Sorrentino
Edoardo Dani classe III E, professoressa Raffaella Cappelli.












Cara Malala
oggi avrei bisogno del tuo coraggio, della tua forza di volontà e della tua capacità di reagire.
La nostra situazione è decisamente migliore rispetto a quella del Pakistan, ma anche in Italia bambine, ragazze e donne subiscono delle discriminazioni.
Io non ho mai subito offese gravi, ma le discriminazioni sono cominciate quand'ero da piccola e ho come l'impressione che non finiranno mai.
All'asilo volevo giocare con i trenini, ma mi hanno detto che non erano giochi da femmine e mi hanno costretta a giocare alle bambole. In prima elementare i compagni maschi ci dicevano che eravamo stupide e dovevamo stare zitte solo perché eravamo femmine (invece eravamo le più brave della classe). Ora i compagni si permettono apprezzamenti disgustosi, pensando di essere più "maschi" e più attraenti. In autobus dei ragazzi mi hanno rivolto gesti offensivi e volgari solo perché io sono femmina e loro sono maschi e in branco pensano di poter dire e fare quello che vogliono.
Poi devo sempre stare molto attenta a come mi presento, perché se mi vesto troppo poco (basta una gonna sopra al ginocchio) i ragazzi possono farsi strane idee su di me, ma se mi vesto troppo divento una perdente, una persona che nessuno vorrebbe avere come amica. 
Cosa succederà quando andrò alle superiori, poi all'Università e poi quando finalmente lavorerò?
Io vedo mia madre lavorare molto più di mio padre. Dice sempre che per guadagnare come un uomo, una donna deve lavorare il doppio. Questa si chiama discriminazione?
Capisco bene che rispetto al Pakistan, dove le ragazze non possono nemmeno studiare, da noi si stia benissimo. Ma poter studiare non basta, se poi dobbiamo subire risatine, volgarità, pregiudizi e guadagnare meno. In Italia abbiamo l'esempio di tantissime donne coraggiose e intelligenti: artiste, dottoresse, anche astronaute! Eppure spesso noi ragazze tolleriamo offese e discriminazioni senza reagire: siamo come “abituate” alla battutina e spesso non rispondiamo per non attirare troppo l'attenzione e far cadere presto l'argomento. Il fatto è che ci vergogniamo, non so nemmeno io di che cosa. Ma in questo modo la presa in giro e la battuta volgare diventano cose normali...e la discriminazione diventa uno scherzo come un altro. Questo non va bene!
Spero veramente di trovare la forza di dire al mondo che mi sono stufata, come hai fatto tu.
Tu hai dimostrato un coraggio che io non avrò mai: anche quando i Talebani ti hanno sparato alla testa non hai avuto paura, anzi sei diventata ancora più forte e decisa a diffondere i tuoi valori e principi. Poi sei tra le poche persone che capiscono l'importanza delle cose che contano ed apprezzano quello che hanno. Purtroppo qui in Italia l'istruzione è ormai scontata per tutti e nessuno le dà peso. Anzi, spesso chi studia è ritenuto un “secchione” e viene preso in giro.
Tantissimi ragazzi – e anche ragazze, purtroppo – non studiano nulla, non rispettano la scuola, gli insegnanti, i compagni. Sporcano le aule, fanno rumore, rispondono ai professori e non apprezzano quello per cui tu lotti da sempre: la possibilità di studiare per tutti, ragazzi e ragazze.
Tu sostieni la capacità di difendersi con l'intelligenza, la capacità di esprimere un pensiero grazie allo studio ed allo sviluppo delle potenzialità della mente.
La tua frase “Un libro, una penna, un alunno ed un insegnante possono cambiare il mondo” mi ha colpita moltissimo perché in sole 12 parole rende reali tutti i miei ideali, cioè rappresenta quello che penso da sempre. Però è ora di mettere in pratica questi principi. Ora tocca a noi ragazze italiane non dare per scontate le cose che in Pakistan sono privilegi di pochi e reagire davanti alle discriminazioni, anche quelle piccole che capitano a scuola. Forse senza aver letto la tua storia, Malala, non avrei mai pensato queste cose. Quindi, grazie Malala!


Camilla Lenzi, III A





“Donne di coraggio e di pace”


Realtà imbarazzate
Esistenze velate
Libertà inesistenti
Menti resistenti

Lo Stato
occhi chiusi su soprusi
Rinchiuse
son muse
recluse
da menti chiuse.

Uomini, niente scuse


Edoardo Dani , classe III E


Commenti

Post popolari in questo blog